Encore si prepara al Salone internazionale del Libro di Torino (seconda parte)

Riscoprire la suggestione dell’editoria e il valore dei contenuti autoriali per il turismo

 

In attesa di incontrare  il team del progetto encore al Salone Internazionale del Libro di Torino, Giovedi 9 maggio ore 15.00 in Sala Professionali – Lingotto Fiere, parliamo con Flavio TariffiF2 Glocal Innovation– di come riscoprire la suggestione dell’editoria e il valore di contenuti di qualità per il turismo.

Riscoprire il valore dello sforzo autoriale contro la standardizzazione dei format 

Lo scenario che il progetto Encore affronta è quello di una filiera dell’editoria, nel settore turistico e culturale, che sta vivendo un momento di stasi e di scarsa vitalità sul fronte dei contenuti, usualmente commissionati dagli editori ad autori professionali spesso destinati a rimanere nell’ombra. La predominanza e la standardizzazione dei format editoriali rispetto allo sforzo autoriale spesso induce una sostanziale uniformità dei testi, che risultano poco variati e scarsamente suggestivi

Questa situazione configura una offerta imperfetta, che lascia in parte insoddisfatta la domanda di due categorie primarie di fruitori:

  • gli operatori professionali del turismo, che percepiscono le potenzialità non sfruttate, ma hanno un potere limitato di condizionamento del settore;
  • i fruitori/turisti, che acquisiscono senza troppo entusiasmo i prodotti sul mercato, e non sono stimolati a desiderare format alternativi e più fantasiosi.

 

Valorizzare le memorie dei viaggiatori del passato per dare vita a nuove fonti 

Encore mira ad innovare queste dinamiche intervenendo in modo radicale nell’ingegneria dei contenuti per il turismo e l’editoria culturale. In primo luogo, Encore disegna una metodologia per intervenire su qualità e originalità dei contenuti. Favorisce la produzione di materiale narrativo proveniente da scritti del passato, (materiali storici, racconti di viaggiatori, documenti degli archivi, etc.), dando così vita a nuove fonti, tanto autorevoli e suggestive, quanto inusuali nel poco dinamico contesto dell’editoria turistica. Adeguatamente editati e arricchiti questi contenuti storici possono accompagnare nel viaggio i fruitori con una narrazione suggestiva, dettagliata e ricca di risonanze culturali.

risonanze culturali.

Da una logica monolitica a una logica granulare 

La seconda innovazione fondamentale di Encore è il passaggio da una logica monolitica, in cui monopolizzano l’interesse dei turisti pochi monumenti di rilievo in mezzo a un connettivo urbano non valorizzato, ad una logica granulare.

La logica granulare punta a valorizzare ogni singolo momento del viaggio, offrendo un continuum di emozioni e punti di interesse durante il passaggio da un punto di interesse primario all’altro. In questo modo si passa da pochi macro-contenuti canonici ad una moltitudine di micro-contenuti, declinati narrativamente, che accompagnano il turista attraverso il tessuto urbano.

Una “targa digitale” per proteggere i micro contenuti 

La terza innovazione consente di identificare mediante una “targa digitale”, e quindi di proteggere, i micro contenuti, garantendone la paternità intellettuale.

Questa forma di tutela, oggi disponibile solo a livello di opere editoriali complete, consentirà ad ogni autore di esprimere e commercializzare “atomi” contenutistici. Tali atomi saranno  riusabili in più format editoriali capitalizzando ogni volta revenues limitate ma certe. Un Registry su Web, catalogo on-line accessibile a tutti gli operatori professionali, consentirà il brokeraggio e la valorizzazione dei contenuti elementari.

Tutte le fasi del processo postulato da Encore sono sorrette da nuovi strumenti tecnologici, sofisticati ma semplici da utilizzare, in grado di organizzare prima, e veicolare poi al turista nel momento più opportuno, i numerosi contenuti originali disponibili, secondo una logica che fa dei big data autoriali la chiave di volta per un nuovo modo di narrare e scoprire le locations turistiche.

 

Il prossimo appuntamento con il  team del progetto encore è il 9 maggio 2019 al Salone del Libro di Torino. Per fissare un incontro cliccare qui

*encore (http://www.encore-project.it/) è l’acronimo di ENgaging Content Object for Reuse and Exploitation of cultural resources: un progetto cofinanziato dall’Unione Europea, Fondo Europeo di sviluppo regionale, Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020. È stato sviluppato dall’Università di Salerno, Gruppo Meta e F2 S.r.l. – Glocal Innovation

Potrebbero interessarti

encore1

I risultati finali del progetto encore presentati a Roma, Università Sapienza

Il 25 luglio 2019 alla Sapienza Università di Roma i partner di encore hanno presentato i risultati finali e le prospettive future del progetto mostrando una DEMO di una delle possibili applicazioni del sistema: un percorso turistico letterario, geolocalizzato e mappato semanticamente, su Napoli e i luoghi del libro L’Amica geniale...

news

“Encore” si presenta al Cultural Heritage Matchmaking 2018

GruppoMeta partecipa il 27 e il 28 settembre al “Cultural Heritage Matchmaking SuperScienzeMe 2018” un evento di networking internazionale su beni culturali che si svolgerà nel Campus dell’Università della Calabria nel giorno precedente nonché nello stesso giorno della Notte dei Ricercatori. Durante l’evento istituzioni e operatori del settore dei...

47098233_296586744306256_912890213523521536_n

Encore ad ArcheoStartUp – BORSA MEDITERRANEA DEL TURISMO ARCHEOLOGICO

In occasione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (Paestum 14/18 novembre 2018- Centro Espositivo Savoy Hotel), sabato 17 novembre in Sala Nettuno,  il Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione dell’Università di Salerno, con il supporto dei partner GruppoMeta e F2 S.r.L,  ha presentato il progetto Encore, Engaging...